English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

In Pakistan una speranza per le donne

Depilex Smileagain Foundation, creata a Lahore da Musarrat Misbaf, imprenditrice pakistana, aiuta le donne sfigurate con l'acido, offrendo loro non solo cure mediche, ma anche un'opportunità di lavoro per riacquistare la fiducia in se stesse e la forza per riprendere la vita sociale.


Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

La Tunisia al voto

La Tunisia, il ”Paese dell’anno” secondo l’Economist, ha votato pre scegliere il suo presidente. Secondo gli exit poll, in vantaggio risulta essere l’avvocato 88enne Beji Caid Essebsi, leader del partito laico Nidaaa Tounes. Un caso esemplare nel mondo arabo.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Turchia: arresti di giornalisti "oppositori"

La polizia turca ha arrestato 27 persone, in gran parte giornalisti ritenuti legati al predicatore musulmano Fetullah Gülen, accusato dal presidente Erdogan di aver ideato un piano per un colpo di stato attraverso la grande inchiesta sulla corruzione, che nel dicembre 2013 aveva coinvolto ex ministri, loro familiari e alti funzionari dello stato.


Persecuzioni > Tribunali penali internazionali

L'Aja sospende le indagini sul Sudan

La Corte Penale Internazionale ha deciso di non procedere contro il Presidente sudanese Omar el-Bashir "per spostare risorse su altri casi urgenti", esortando il Consiglio di Sicurezza dell'ONU a fare di più contro l'impunità per chi stupra e uccide nel Darfur.


Giusti > Giornata Europea dei Giusti

Un pianoforte "a favore" dei Giusti

Gaetano Liguori, pianista e compositore, vincitore dell'Ambrogino d'Oro nel 2013, è da anni al fianco di Gariwo con la sua musica. Gli abbiamo chiesto di parlarci del suo libro Confesso che ho suonato (ed. Skirà), in cui racconta la musica, il jazz, l'impegno politico, i viaggi di solidarietà, la città di Milano e i luoghi a cui è più legato.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

L'appello di Oz, Grossman e Yehoshua

I tre scrittori israeliani hanno firmato un appello per chiedere alle nazioni europee di riconoscere la Palestina come Stato. La petizione ha raccolto quasi 900 adesioni tra cui quelle del Premio Nobel Daniel Kahneman e dell'ex presidente del Parlamento israeliano Avraham Burg.


Persecuzioni > Prevenzione persecuzioni

Buone memorie per buone pratiche

Il 9 e 10 dicembre 1948 le Nazioni Unite hanno approvato due documenti fondamentali: la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Tali atti costituiscono il primo sforzo a livello internazionale di istituire un impianto normativo per evitare il ripetersi degli orrori del passato.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

​Il Collegium Bohemicum, i tedeschi dei Sudeti e i cechi

L'espulsione dei tedeschi dai Sudeti durante la seconda Guerra Mondiale è una ferita non ancora rimarginata. Il Collegium Bohemicum sulla storia degli abitanti di lingua tedesca nelle terre ceche è un passo verso la riconciliazione. Di Andreas Pieralli


Persecuzioni > Genocidio ebrei

"Più in là del proprio dovere"

"Más allá del deber”, più in là del proprio dovere. È il titolo di una mostra allestita nel Palazzo di Santa Cruz di Madrid, dedicata ai diplomatici spagnoli che durante la Seconda guerra mondiale soccorsero gli ebrei perseguitati fornendo loro documenti falsi, nascondendoli o aiutandoli a fuggire.


La rubrica della settimana

Buone Feste da Gariwo

2014, un anno con i Giusti

L'inaugurazione dell'Auditorium del Memoriale della Shoah di Milano, la Giornata della Memoria, la cerimonia per la Giornata europea dei Giusti e la dedica dei nuovi alberi al Giardino di Milano, il seminario per gli insegnanti, il Giardino di Varsavia e molto altro. Un anno con Gariwo, un anno con i Giusti.


Gariwo, la parola ai fondatori

Gabriele Nissim, Pietro Kuciukian, Ulianova Radice e Anna Maria Samuelli, fondatori di Gariwo, parlano delle attività che dal 2001 li impegnano nella promozione della memoria del Bene.


Il dibattito

Niccolò Rinaldi su Yehuda Bauer

Le due comunità – scientifica e politica – condividono molto meno di quello che si pensa. Hanno due diverse “costituency”, ciascuno parla con obiettivi propri che non necessariamente coincidono. Nel mio lavoro di parlamentare europeo ho riscontrato spesso questa lontananza. Avendo chiare queste difficoltà, la moltiplicazione delle occasioni di collaborazione dovrebbe essere un impegno sia per i politici che per gli accademici.

L'arte della politica e la conoscenza per la prevenzione dei genocidi
di Gabriele Nissim
La Shoah non è unica perché si potrebbe ripetere
di Gabriele Eschenazi
"Unicità" della Shoah: come il suo significato è cambiato nel tempo
di Anna Foa

La recensione

Io n. 1211

Il libro autobiografico di Dagmar Šimková sulla lunga prigionia nelle carceri cecoslovacche del regime comunista. Una sorta di manuale di sopravvivenza mentale durante la detenzione e una testimonianza sulla vita disumana e sulla realtà dell’essere donna in quelle condizioni. Recensione di Vaclav Sedy


Flash News: