English version | Cerca nel sito:

Giusti

Beatrice Rohner e la chiamata verso Aleppo

L'associazione Hilfsbund im Orient e.V. per cui la missionaria operava, soccorrendo oltre mille bambini nella Aleppo assediata dai turchi, ringrazia Gariwo per l'impegno assunto di ricordare la sua collaboratrice durante la Seconda Giornata Europea dei Giusti, piantando un albero e scoprendo un cippo a lei dedicati nel Giardino dei Giusti di tutto il Mondo al Monte Stella. 


Il Giardino dei Giusti nascerà a Varsavia

La responsabile Paesi Europa Centro-Orientale di Gariwo ha collaborato con eminenti personalità della politica e della cultura polacche, attive anche nella dissidenza contro il totalitarismo sovietico, per questo splendido risultato: il 6 marzo 2014 per la Giornata europea dei Giusti verrà annunciata la creazione del Giardino dei Giusti di Varsavia il prossimo 5 giugno.


I Giusti, modello per gli educatori e per i giovani

Trasmettere il valore degli esempi positivi dei Giusti ai giovani, creare con loro una relazione positiva, ascoltarli e renderli protagonisti. Ne abbiamo parlato con don Gino Rigoldi, cappellano dell’istituto penale minorile Cesare Beccaria e presidente di Comunità Nuova.


"Sono figlio di un voto e di un pezzo di pane"

Ugo Caffaz, Consigliere per le politiche della memoria della Regione Toscana, racconta la storia della sua famiglia, scappata dai rastrellamenti tedeschi e nascosta dai Parlanti, contadini di Chiesina Uzzanese.


Il gusto del Bene

Editoriale di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti

Il nostro Paese, pur con tutte le contraddizioni che vive in questo momento difficile, è riuscito a ottenere dal Parlamento europeo una ricorrenza di straordinario valore morale: la Giornata europea dei Giusti. Per la prima volta


Le foglie a noi intorno

Nella Repubblica di San Marino si organizza una cerimonia con i bambini delle elementari, che hanno creato un albero con la tecnica dell'origami (che non prevede tagli), sotto la supervisione della Galleria di Arte Moderna dello Stato sotto il Monte Titano. Intervista a Patrizia Di Luca, Responsabile del Museo dell'Emigrante di San Marino. 


I "Giusti"

esempi di resistenza morale al male estremo

La storia del Novecento è drammaticamente segnata da crimini contro l'Umanità, come il genocidio del popolo armeno nel 1915-'16; la Shoah nel corso della Seconda Guerra Mondiale; i gulag nel periodo del comunismo; le tragedie del Rwanda e dei Balcani negli anni '90. In ognuna di queste situazioni estreme sono esistiti uomini che hanno trovato la forza di opporsi al Male seguendo il principio della responsabilità personale.
Se non si può rintracciare con parametri rigidi la figura del "Giusto", se ne possono cogliere alcune caratteristiche comuni, presenti in tutte le esperienze genocidarie. Ciò che conta è la capacità di ascoltare la propria coscienza, di difendere il principio di umanità al di là dei condizionamenti ideologici, religiosi, politici, o etnici, sociali e culturali. Il paradigma è la preziosa esperienza della Commissione dei Giusti di Yad Vashem, allargata e approfondita nel segno di una riflessione universale sull'uomo.

Giusti riconosciuti

"Giusti tra le Nazioni" e "Giusti per gli Armeni"

da Yad Vashem a Yerevan

Figure esemplari

Figure di resistenza morale

in tutto il mondo

Storie segnalate

Testimonianze su storie sconosciute

di impegno civile

 

La storia

Bendetto De Beni

Il capitano d'artiglieria Giusto tra le Nazioni