English version | Cerca nel sito:

Giusti

La legalità "giusta"

Al penultimo incontro del ciclo “L’Italia civile dei don: da don Milani a don Ciotti” si discute di legalità “giusta”. A farlo, insieme a Nando Dalla Chiesa, è don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera.


Celebrazione del 6 marzo a Bisceglie

Celebrazione della giornata europea dei giusti a Bisceglie, con la dedica di un albero a Gino Bartali. Organizzazione a cura dell'associazione "Roma Intangibile", del Comune di Bisceglie, in collaborazione con Gariwo. Il racconto di Salvatore Pennisi.


La Giornata europea dei Giusti in Italia

In decine di città italiane è stata celebrata la seconda Giornata europea dei Giusti. Da Cernobbio a Marineo, comuni, associazioni, insegnanti e studenti hanno ricordato quanti hanno combattuto, e tuttora combattono, contro le persecuzioni e i totalitarismi.


I ragazzi di Lecco riflettono sui Giusti

In occasione della Giornata europea dei Giusti, i ragazzi delle classi I del Collegio Volta di Lecco hanno scritto una riflessione sulle figure esemplari che hanno difeso la dignità umana durante i genocidi e i totalitarismi in tutto il mondo.


"Innamoratevi della libertà"

Milano celebra la seconda Giornata europea dei Giusti con l’annuale cerimonia di dedica dei nuovi alberi al Giardino del Monte Stella. Scoperti i cippi in onore di Nelson Mandela, Angelo Giuseppe Roncalli, Beatrice Rohner, Giuseppe Sala, Fernanda Wittgens e don Giovanni Barbareschi.


Beatrice Rohner e la chiamata verso Aleppo

L'associazione Hilfsbund im Orient e.V. per cui la missionaria operava, soccorrendo oltre mille bambini nella Aleppo assediata dai turchi, ringrazia Gariwo per l'impegno assunto di ricordare la sua collaboratrice durante la Seconda Giornata Europea dei Giusti, piantando un albero e scoprendo un cippo a lei dedicati nel Giardino dei Giusti di tutto il Mondo al Monte Stella. 


I "Giusti"

esempi di resistenza morale al male estremo

La storia del Novecento è drammaticamente segnata da crimini contro l'Umanità, come il genocidio del popolo armeno nel 1915-'16; la Shoah nel corso della Seconda Guerra Mondiale; i gulag nel periodo del comunismo; le tragedie del Rwanda e dei Balcani negli anni '90. In ognuna di queste situazioni estreme sono esistiti uomini che hanno trovato la forza di opporsi al Male seguendo il principio della responsabilità personale.
Se non si può rintracciare con parametri rigidi la figura del "Giusto", se ne possono cogliere alcune caratteristiche comuni, presenti in tutte le esperienze genocidarie. Ciò che conta è la capacità di ascoltare la propria coscienza, di difendere il principio di umanità al di là dei condizionamenti ideologici, religiosi, politici, o etnici, sociali e culturali. Il paradigma è la preziosa esperienza della Commissione dei Giusti di Yad Vashem, allargata e approfondita nel segno di una riflessione universale sull'uomo.

Giusti riconosciuti

"Giusti tra le Nazioni" e "Giusti per gli Armeni"

da Yad Vashem a Yerevan

Figure esemplari

Figure di resistenza morale

in tutto il mondo

Storie segnalate

Testimonianze su storie sconosciute

di impegno civile

 

Multimedia

I giovani dell'antipolitica

documentario realizzato clandestinamente da Gabriele Nissim con la collaborazione di Vaclav Havel

La storia

Petro Grigorenko

generale dissidente sovietico