English version | Cerca nel sito:

I limiti della libertà in Birmania

Aung San Suu Kyi tra incontri al vertice e minacce del regime


La leader del movimento democratico birmano Aung San Suu Kyi incontrerà presto il ministro del Lavoro della giunta militare, Aung Kyi. Secondo la BBC si tratta del primo incontro al vertice dell'attivista Premio Nobel da quando è stata liberata il 13 novembre 2010. 

Il quotidiano inglese afferma che Aung San Suu Kyi starebbe "verificando i limiti alla sua libertà" anche in altri modi, per esempio recandosi in viaggio nella città sacra di Bagan, dove è anche sepolto suo padre, il generale Aung San ucciso dai militari oggi al potere. 

La leader birmana ha ricevuto minacce, in particolare la richiesta ufficiale a lei al suo partito di "porre termine a ogni attività politica". Probabilmente l'incontro con l'uomo di punta del regime è per discutere del suo futuro. (Foto da Aung San Suu Kyi meets government minister Aung Kyi, Aung San Suu Kyi incontrerà il ministro Aung Kyi), redazione, The BBC, 25 luglio 2011

25 luglio 2011

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Akbar Ganji

il giornalista simbolo della dissidenza al regime degli ayatollah