English version | Cerca nel sito:

Franjo Sopianac

il petroliere croato che nascose gli ebrei in fabbrica, ma fu perseguitato dal regime di Tito


Testimonianza di Ivan Sopianac al quotidiano "L'Avvenire" del 13 febbraio 1996, citata nell'articolo "Lo Schindler croato nell'olimpo degli eroi" di Roberto Festorazzi

La porta di casa nostra era sempre aperta. Noi ragazzi, allora, non ce ne rendevamo perfettamente conto, ma papà offriva continuamente asilo ai perseguitati. Ricordo un certo ing. Fischer, ex dirigente delle raffinerie di Sisak, che nel '42 o nel '43 rimase ospite per un paio di mesi nella nostra villa di Zagabria; un soggiorno talmente prolungato che noi figli ci eravamo abituati a chiamarlo affettuosamente "zio"…. Papà offriva accoglienza in casa fino a quando non fosse riuscito a far sistemare i documenti. Le falsificazioni delle carte d'identità avvenivano probabilmente nel manicomio di Stenjevec, a Zagabria, dove molte persone hanno pure trovato rifugio…..
Un giorno (dopo la guerra) mio padre venne prelevato da tre uomini armati che lo fecero sparire per due giorni, minacciandolo di morte se non avesse accettato di firmare un pezzo di carta nel quale sottoscriveva la rinuncia ai suoi beni. Mio padre rifiutò….. Andò a Trieste nella speranza che nel frattempo la situazione, a Zagabria, si potesse normalizzare. Ma quel viaggio all'estero sarebbe durato oltre venticinque anni.

Dal testo dell'articolo:
"Franjo Sopianac, il magnate del petrolio jugoslavo, ora non c'è più e il suo impero è tramontato durante il 'regno di Tito'. La sua storia è simile a quella di tanti altri capitalisti spodestati dai loro troni dopo l'avvento del comunismo. Un particolare, però, consente di aggiungere un respiro inconfondibile alla vicenda umana di una famiglia vittima di gravi ingiustizie. Franjo Sopianac, accusato nel 1945 di collaborazionismo con gli occupanti tedeschi, e per questo privato dell'intero patrimonio, non fu un bieco nazista. Fu un eroe. Oggi le memorie disseppellite dei sopravvissuti all'Olocausto hanno consentito di accertare che il 'padrone delle raffinerie' era uno Schindler croato e che, grazie al suo aiuto, durante il secondo conflitto mondiale, molti ebrei si salvarono. Il suo nome è stato giudicato degno del massimo onore e verrà scolpito nel muro che a Gerusalemme ricorda i 'giusti tra le nazioni' a Yad Vashem…..
(Dopo la guerra) l'unica industria petrolifera produttiva nel territorio jugoslavo era quella di Franjo Sopianac. L'affermazione dei comunisti nel movimento di liberazione portò Tito a diventare arbitro della politica nazionale….. L'esilio di Sopianac iniziò così nel luglio del 1945… il tribunale di Zagabria dette via libera alla confisca degli impianti petroliferi e dei beni di famiglia….. Franjo Sopianac nel '48 emigra in Argentina. Morirà povero e all'estero".

Commenti

Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem

Scopri nella sezione