English version | Cerca nel sito:

Io, figlio di tanto padre"

Ignat Solženicyn intervistato da Marina Gersony


Marina Gersony e Ignat Solženicyn

Marina Gersony e Ignat Solženicyn

La giornalista Marina Gersony ha intervistato su East il direttore d'orchestra Ignat Solženicyn, figlio dell'autore del celebre Arcipelago Gulag, in occasione della dedica di un albero a suo padre nel Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano. 

"Ignat Solženicyn, classe 1972, è il secondo dei tre figli di Alexandr Solženicyn, lo scienziato e scrittore finito nel Gulag per aver denunciato l’homo sovieticus, svuotato dalla sua libertà e responsabilità. Alexandr Solženicyn, l’uomo intimamente “antitotalitario” - e per questo ancora più attuale -, colpevole di avere accusato il sistema sovietico durante una lunga e personale battaglia senza temere il prezzo da pagare".


(Foto tratta dal blog di Marina Gersony)

1 luglio 2011

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione