English version | Cerca nel sito:

Linguaglossa dedica un cedro

a Calogero Marrone per aver salvato molti ebrei dalla Shoah


La targa sotto l'albero di cedro nella piazza dei Vespri a Linguaglossa

La targa sotto l'albero di cedro nella piazza dei Vespri a Linguaglossa

Linguaglossa, domenica 27 gennaio 2008, in occasione della "Giornata della Memoria":

- ore 11.00, raduno nella Biblioteca "A. Gullo". Interventi del Senatore Santo Liotta, del Sindaco Rosa Maria Vecchio, dell'Assessore alla Cultura Gustavo Boemi, di Nunziato Di Francesco, cittadino linguaglossese deportato a Mathausen e dei giovani studenti del Liceo Scientifico M. Amari.
- ore 12.00, nella antistante Piazza dei Vespri intitolazione di un albero della villa a Calogero Marrone, di cui è stato chiesto il riconoscimento a Yad Vashem come "Giusto tra le Nazioni".

27 gennaio 2008

Commenti

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Il volontario

Marco Patricelli

Multimedia

Storie di lotte e di deportazione

documentario sulle interviste italiane raccolte dallo USC Shoah Foundation Institute di Giovanna Boursier, Pier Milanese

La storia

Vitali-Motta

I pasticcieri torinesi che nascosero una famiglia di ebrei