English version | Cerca nel sito:

Linguaglossa dedica un cedro

a Calogero Marrone per aver salvato molti ebrei dalla Shoah


La targa sotto l'albero di cedro nella piazza dei Vespri a Linguaglossa

La targa sotto l'albero di cedro nella piazza dei Vespri a Linguaglossa

Linguaglossa, domenica 27 gennaio 2008, in occasione della "Giornata della Memoria":

- ore 11.00, raduno nella Biblioteca "A. Gullo". Interventi del Senatore Santo Liotta, del Sindaco Rosa Maria Vecchio, dell'Assessore alla Cultura Gustavo Boemi, di Nunziato Di Francesco, cittadino linguaglossese deportato a Mathausen e dei giovani studenti del Liceo Scientifico M. Amari.
- ore 12.00, nella antistante Piazza dei Vespri intitolazione di un albero della villa a Calogero Marrone, di cui è stato chiesto il riconoscimento a Yad Vashem come "Giusto tra le Nazioni".

27 gennaio 2008

Commenti

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Suite francese

Irène Némirovsky

Multimedia

Schindler's list

di Steven Spielberg (1994)

La storia

Guido Morganti

il sarto che salvò due famiglie ebree dalla deportazione