English version | Cerca nel sito:

Impiccata in Iran Delara Darabi

rilasciata Roxana Saberi


Donne iraniane con velo integrale (foto Wikicommons)

Donne iraniane con velo integrale (foto Wikicommons)

Delara Darabi era una pittrice iraniana condannata a morte per un reato commesso a 17 anni. Di nascosto per eludere le proteste internazionali e in violazione della stessa legge iraniana che prevede di avvisare i familiari con trenta giorni d'anticipo, è stata impiccata il 1° maggio a Teheran. Non è il primo caso di violazione dei diritti umani e delle donne in Iran. Roxana Saberi è una giornalista iraniana e americana condannata a otto anni di carcere con false accuse di spionaggio. Nel 2003, la fotoreporter Zahra Kazemi è stata torturata a morte in carcere a Teheran. In Afghanistan un disegno di legge mira a legalizzare lo stupro familiare. Le associazioni in tutto il mondo si stanno mobilitando per fermare la violenza di Stato contro le donne. A volte, come mostra la tragica storia di Delara, ottenere un rinvio non è sufficiente.

30 aprile 2009

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Amina Wadud

docente di studi islamici presso il Dipartimento di filosofia e studi religiosi dell'Università americana della Virginia