English version | Cerca nel sito:

Foibe, per non dimenticare

Giorno del Ricordo


Le foibe sono cavità con ingresso a strapiombo dell'Istria e Dalmazia, dove vengono gettati quasi 10 mila italiani tra il 1943 e il 1947. Dopo la firma dell'armistizio dell'8 settembre 1943 i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti: seppelliscono nelle grotte circa un migliaio di uomini, dopo averli torturati come "nemici del popolo".

Nel 1945, quando la Jugoslavia occupa l'Istria, Trieste e Gorizia, molti italiani pagano con la vita questa nuova ondata di violenza: vengono infoibati fascisti, prelati, cattolici, donne e bambini, socialisti.


IL GIORNO DEL RICORDO
Con la legge N. 92 del 30 marzo 2004 la Repubblica Italiana ha istituito il "Giorno del ricordo in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale" e ha concesso "un riconoscimento ai congiunti degli infoibati" per "conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale" (articolo 1, comma 1).

Messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
"Si consumò - nel modo più evidente con la disumana ferocia delle foibe - una delle barbarie del secolo scorso. Perché nel Novecento(...) si intrecciarono in Europa cultura e barbarie. E non bisogna mai smarrire consapevolezza di ciò nel valorizzare i tratti più nobili della nostra tradizione storica e nel consolidare i lineamenti di civiltà, di pace, di libertà, di tolleranza, di solidarietà della nuova Europa che stiamo da oltre cinquant'anni costruendo.

E' un'Europa nata dal rifiuto dei nazionalismi aggressivi e oppressivi, da quello espressosi nella guerra fascista a quello espressosi nell'ondata di terrore jugoslavo in Venezia Giulia, un'Europa che esclude naturalmente anche ogni revanscismo
".

10 febbraio 2007


LE COMMEMORAZIONI

9 febbraio, Roma: a Palazzo Ferrajoli la presentazione del libro
Foibe (s)conosciute

10 febbraio, Bari: a Palazzo di Città il seminario:
Profughi dal confine orientale

10 febbraio, Caronno Pertusella: in biblioteca la conferenza
Dalle foibe del '43 ai lager di Tito

10 febbraio, RaiTre: in programmazione la puntata de La Storia siamo noi
Storia delle foibe

10 febbraio, Trieste: al Monumento Nazionale Foiba di Basovizza
Cerimonia ufficiale

10 febbraio, Modena: in via Martiri delle foibe
La celebrazione

10 febbraio, Napoli: il ricordo della città
La cerimonia

10 febbraio, Palermo: le celebrazioni
Il Giorno del Ricordo

10 febbraio, Roma: cerimonia al Quirinale
La commemorazione

10 febbraio, Sassuolo: cerimonia di intitolazione della via
Martiri delle foibe

11 febbraio, Lucca: a Palazzo Ducale l'incontro
Memoria e Ricordo

18-20 febbraio, Istria e Dalmazia: visita per studenti delle scuole romane: 
Viaggio della Memoria

1 marzo, Gallarate: convegno con gli studenti
Foibe

Osservatorio Balcani: dvd didattico multimediale
ANVGD

10 febbraio 2010

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Popieluszko

di Rafal Wieczynski (2009)

La storia

Padre Emanuel Natalino Vura

il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato