English version | Cerca nel sito:

I desaparecidos del franchismo

30 mila bambini sottratti a genitori di sinistra


La Spagna franchista sequestrò i figli degli oppositori politici. Il governo regionale di Madrid avvierà un'inchiesta controllando gli archivi sanitari.

L'indagine riguarderà bambini dati per morti tra il 1961 e il 1971 ma in realtà affidati a famiglie vicine al regime. L'inchiesta è stata aperta dal giudice Baltazar Garzon dopo aver raccolto una serie di testimonianze. Secondo il giudice e due storici, infatti, negli anni seguenti alla guerra civile questo bambini venivano sottratti alle madri e affidati a famiglie vicine al regime oppure morivano in carcere, per malnutrizione o pessime condizioni igieniche.

Nei primi anni della dittatura era consuetudine affidare i figli delle donne in carcere o giustiziate ad altre famiglie. Garzon però sostiene che tra il 1937 e il 1950 ci fu un vero e proprio piano sistematico di sequestro dei figli di donne incarcerate, simile a quello che i generali argentini avrebbero attuato dieci anni dopo nel Paese latinoamericano. 

Il programma di rapimento e affidamento a religiosi o a simpatizzanti franchisti fu l'applicazione delle teorie di Antonio Vallejo Naiera, psichiatra militare secondo cui i marxisti erano "psicopatici da separare dalla nascita dal resto della società". Secondo le stime e le testimonianze il fenomeno riguardò almeno 30 mila bambini.

23 dicembre 2010

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Il disonore russo

Anna Politkovskaja

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

Padre Jerzy Popieluszko

sacerdote martire di Solidarnosc