English version | Cerca nel sito:

Il coraggio di opporsi

G. Nissim e U. Radice ricevuti dalla Reggenza di San Marino


In occasione delle iniziative per il Giorno della Memoria il 3 febbraio scorso Gabriele Nissim e Ulianova Radice sono stati ricevuti dalla Reggenza di San Marino, nella sala Montelupo del Castello Domagnano. 

Gabriele Nisssim ha presentato il suo nuovo libro La Bontà insensata. Il Segreto degli uomini giusti, edito con Mondadori. 

Per la Reggenza di San Marino "Incontrare oggi il saggista e scrittore Gabriele Nissim significa porgere un gradito saluto a chi ha saputo raccontare la storia di uomini e donne che si sono prodigati in atti di coraggio per salvare i perseguitati di ideologie folli che ne teorizzavano l’eliminazione sistematica".

Ulianova Radice, ideatrice e curatrice del Progetto Europeo WeFor, ha presentato il sito web www.wefor.eu ilustrandone le caratteristiche gli stumenti didattici a disposizione degli insegnanti.

Incontro promosso dalla Commissione Nazionale Sammarinese per l'UNESCO in collaborazione con la Scuola Secondaria Superiore e la Scuola Media Statale della Repubblica di San Marino, con il Patrocinio della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri e della Segreteria di Stato per l'Istruzione e la Cultura, l'Università e le Politiche giovanili. 

WeFor
Gabriele Nissim e Ulianova Radice ricevuti dai reggenti, SanMarino Rtv, 3 febbraio 2010
Udienza della Reggenza di San Marino a Gabriele Nissim e Ulianova Radice
Discorso del Segretario di Stato per gli Affari interni
Discorso del Presidente della commissione nazionale sammarinese per l'UNESCO
Giornata della Memoria a San Marino

28 gennaio 2011

Commenti

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Scopri nella sezione