English version | Cerca nel sito:

Natasha Kandic

1946

attivista dei diritti umani in Serbia


È nata nel 1946 a Kragujevac, in Jugoslavia (oggi Serbia). Compiuti gli studi di Sociologia, diventa dissidente sotto Tito e attivista dei diritti umani dopo la sua morte. Reperisce il video-prova del massacro di Srebrenica, che inchioda alcuni responsabili del Ministero degli Interni serbo alla responsabilità di aver commesso uno dei più atroci orrori dalla fine della guerra, lo sterminio e l’occultamento dei corpi di ottomila civili nelle fosse comuni. È considerata la Simon Wiesenthal dei Balcani perché si occupa di assicurare alla giustizia i responsabili serbi dei crimini commessi durante la guerra seguita allo smembramento della Jugoslavia nel 1992. Fra i molti riconoscimenti internazionali che la riguardano, nel 2003 è stata definita “eroe europeo” dalla rivista Time USA e nel 2005 è stata dichiarata cittadina onoraria di Sarajevo, capitale della Bosnia-Erzegovina. Ha fondato l’organizzazione Humanitarian Law Center. È una figura molto scomoda in Serbia, considerata persona non grata in vaste aree del Paese. L’accusa più pesante, quella di avere venduto le proprie risorse intellettuali e morali ai fascisti croati, gli ustascia (termine usato per offendere tutti i croati), le è stata rivolta da Vojslav Seseli, imputato di crimini contro l’umanità dal Tribunale Penale Internazionale dell’Aja. Vive sotto costante minaccia della vita da parte degli estremisti delle varie fazioni etniche. È stata picchiata in Piazza della Repubblica a Belgrado senza che i passanti intervenissero. A un convegno all’università ha rischiato il linciaggio. Ha causato molte animosità anche quando ha presenziato alla dichiarazione d’indipendenza del Kosovo. A proposito di chi l’attacca, ha dichiarato in un’intervista al Corriere della Sera: “Mi chiamano sempre traditrice, anche se io documento tutto: i crimini sui croati e sui musulmani, sugli albanesi e sui Rom, sui serbi del Kosovo e su quelli di Croazia... Possono ammazzare me, non possono distruggere le mie prove".

Commenti

Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.

Scopri nella sezione