English version | Cerca nel sito:

Chi sono i Giusti per l'islam?

voci di dialogo


Nella riflessione più ampia sull’idea di “giusti” non può essere escluso quel mondo che, soprattutto a partire dall’11 settembre, viene considerato come estraneo a un’idea di giustizia e libertà: il mondo islamico. È innegabile che il rapporto della religione islamica con l’Altro sia per lo meno difficile. Sia che si tratti di donne sia che si tratti di non musulmani il Corano è chiaro: la donna vale metà dell’uomo mentre ebrei e cristiani, pur essendo considerati Genti del Libro, sono persone che credono in religioni incomplete e alterate e che solo dietro pagamento di una tassa potranno essere protetti dall’islam, sigillo delle religioni. Ciononostante, con l’espansione dell’islam e con gli oggi un miliardo e trecento milioni di musulmani, è evidente che non si possa generalizzare. Non tutti i musulmani rappresentano la trasposizione letterale dei dettami coranici.
Passare dal livello dell’islam a quello dei musulmani, delle persone comuni, è indispensabile per potere cogliere una realtà dove l’interpretazione estremista e letterale del testo coranico convive con la fede vissuta in modo intimo e personale. Ed è proprio passando dal livello dell’islam a quello dei musulmani che troviamo i “giusti”. 


I Giusti contro il fondamentalismo
In un periodo storico in cui l’estremismo islamico, sia nella forma più crudele e spietata sia nella sua forma ideologica, sia sotto l’egida di associazioni e movimenti islamici sia sotto l’egida di Stati che fanno prevalere la sharia allo stato di diritto, sta dilagando, è necessario rintracciare e mettere in evidenza quei musulmani che lottano, mettendo anche a repentaglio la propria vita, in nome della libertà di tutti gli esseri umani senza se e senza ma. Costoro sono stati da me definiti in passato “liberali”, ma credo che l’aggettivo “giusti” li identifichi in modo più adeguato. “Giusto” nel mondo islamico è chi crede nella libertà di religione e di espressione, chi non è deviato da ideologie che privano l’uomo dell’obiettività nel giudicare l’Altro. “Giusto” può essere un intellettuale, un politico, ma anche una persona semplice la cui sensibilità, la cui umanità prevalgono sull’ideologia dominante. Nel mondo islamico contemporaneo difendere un cristiano o un ebreo, scrivere una poesia sull’Olocausto, recarsi in Israele, reclamare pari diritti tra uomini e donne è sempre più rischioso. Purtroppo il silenzio a livello nazionale e internazionale non aiuta i “giusti” nel mondo islamico, non li protegge. (...)
La barbara uccisione di Salman Taseer governatore della provincia pakistana del Punjab, perché aveva appoggiato la campagna per l'abolizione della legge sulla blasfemia e si era battuto per la liberazione di Asia Bibi, la cristiana condannata a morte, dovrebbe farci riflettere e forse portarci a estendere la definizione di Giusti tra le nazioni a tutte quelle persone che aiutano, mettendo a repentaglio la propria vita, l’Altro a prescindere dal suo credo religioso. Salman Taseer e la sua famiglia, che oggi sta portando avanti la stessa battaglia, è senza dubbio un simbolo e dovrebbe essere il primo a essere fregiato del titolo di “giusto”.



La costituzione: il problema e la soluzioneIn Egitto, in Giordania, in Kuwait, per non parlare di Arabia Saudita e Iran. In Egitto, teatro degli attacchi ai copti, nel 1971 la Corte suprema costituzionale ha approvato una legge in cui si affermava che “l’islam è la religione di Stato e che qualsiasi legge contraria all’islam è contraria alla costituzione”. Sebbene non esista alcuna legge che riguardi l’apostasia oppure il trattamento dei cristiani come sottomessi, a partire dal 1981 l’emendamento dell’articolo 2 della Costituzione egiziana ha fatto sì che la sharia passasse dall’essere “una delle fonti principali della legislazione” all’essere “la principale fonte della legislazione”. Anche nella moderata Giordania nonostante la Costituzione del Regno hascemita di Giordania affermi all’articolo 14 che “lo Stato salvaguarderà il libero esercizio di tutte le forme di culto e riti religiosi in sintonia con le tradizioni osservate nel Regno, a meno che ciò contravvenga con l’ordine pubblico e la moralità” e all’articolo 15 che “lo Stato garantirà la libertà d’opinione. Ogni cittadino giordano sarà libero di esprimere la sua opinione in discorsi, scritti o per mezzo di rappresentazioni fotografiche e altre forme di espressione, ammesso che ciò non violi la legge; la libertà di stampa e pubblicazione sarà assicurata entro i limiti della legge; i giornali non saranno sospesi dalla pubblicazione né i loro permessi revocati se non in accordo con quanto previsto dalla legge; in caso di dichiarazione di legge marziale o di stato d’emergenza, può essere imposta per legge una censura limitata su giornali, pubblicazioni, libri e trasmissioni televisive su questioni che toccano la sicurezza pubblica e la difesa personale; il controllo delle risorse dei giornali sarà regolato per legge.” Al contempo l’articolo 37 della legge giordana sulla stampa parla chiaro e limita notevolmente la libertà d’espressione nel paese: “È proibita la pubblicazione in qualsiasi forma di qualsiasi cosa che offenda od oltraggi una delle religioni e denominazioni la cui libertà è sancita dalla costituzione”. Ne consegue che laddove l’islam regoli la legislazione la discriminazione nei confronti dell’Altro, inteso come cristiano o come musulmano che osa criticare l’interpretazione estremista e letterale del Corano, è possibile. In base a questa legge un giovane poeta giordano, Islam Samhan, è stato condannato di apostasia e portato in tribunale solo per avere usato espressioni che ricalcano il testo coranico nei propri componimenti.
Le donne dell'islam
Le donne svolgono un ruolo altrettanto rilevante. Prime fra tutte le donne saudite che da anni lottano per diventare persone e lo fanno sulla propria pelle: vengono condannate alla flagellazione perché hanno osato guidare, vengono portate arbitrariamente al commissariato di polizia solo perché parlano di diritti delle donne.Credo che sia giunto il momento di rendere onore ai Giusti tra i musulmani, di unirci a loro nella loro lotta contro l’estremismo islamico, una lotta senza se e senza ma. Credo che sia giunto il momento per le istituzioni e i governi occidentali, per l’Unione europea, riconoscere il valore e il coraggio di tutte quelle persone che a prescindere dalla loro religione riconoscono i diritti universali dell’uomo, primo fra tutti quello alla vita. Credo sia giunto di mettere in evidenza i giusti che agiscono nell’ombra in tutto il mondo islamico, solo dando loro visibilità li proteggeremo e li incoraggeremo in modo da non dovere più piangere né stragi di copti in Egitto, di cristiani in Iraq e altrove nel mondo islamico, né la morte di persone coraggiose come Salman Taseer né la flagellazione o la lapidazione di donne in Iran, Arabia Saudita, Nigeria. Il Giardino dei Giusti ci darà sempre più speranza se vi cresceranno alberi che ricordano persone di ogni etnia e religione che credono ad oltranza nella vita.

Valentina Colombo, docente di Geopolitica dell'islam, Università Europea, Roma - Senior Fellow, European Foundation for Democracy, Bruxelles

26 ottobre 2011

Commenti

Resistenza al fondamentalismo

i musulmani moderati di fronte all'estremismo jihadista

Come dice Valentina Colombo, docente di Geopolitica del mondo islamico all'Università Europea di Roma e curatrice della raccolta di saggi di Tarek Heggy  Le prigioni della mente araba:

"passare dal livello dell’islam a quello dei musulmani, delle persone comuni, è indispensabile per potere cogliere una realtà dove l’interpretazione estremista e letterale del testo coranico convive con la fede vissuta in modo intimo e personale. Ed è proprio passando dal livello dell’islam a quello dei musulmani che troviamo i “giusti”. [...] è necessario rintracciare e mettere in evidenza quei musulmani che lottano, mettendo anche a repentaglio la propria vita, in nome della libertà di tutti gli esseri umani senza se e senza ma. [...] “Giusto” nel mondo islamico è chi crede nella libertà di religione e di espressione, chi non è deviato da ideologie che privano l’uomo dell’obiettività nel giudicare l’Altro. “Giusto” può essere un intellettuale, un politico, ma anche una persona semplice la cui sensibilità, la cui umanità prevalgono sull’ideologia dominante. Nel mondo islamico contemporaneo difendere un cristiano o un ebreo, scrivere una poesia sull’Olocausto, recarsi in Israele, reclamare pari diritti tra uomini e donne è sempre più rischioso. Purtroppo il silenzio a livello nazionale e internazionale non aiuta i “giusti” nel mondo islamico, non li protegge.Raccontare le storie, avviare un elenco di “giusti” provenienti da questo contesto è di fondamentale importanza per aiutare queste voci e per fare sì che queste voci e queste persone possano essere d’esempio ad altre, dare coraggio ad altre, affinché la schiera dei “giusti” si allarghi e combatta insieme a noi la battaglia in nome dei diritti umani universali a prescindere dall’appartenenza etnica o religiosa". 

Scopri nella sezione

Il libro

La mia guerra all'indifferenza

Jean-Sélim Kanaan (con Alexandre Levy)

Multimedia

La strage di Piazza Fontana

puntata da "La Storia siamo noi"