English version | Cerca nel sito:

Anche i pupazzi piangono

in Russia proteste di Lego e giocattoli


A Barnau, in Siberia, centinaia di pupazzetti, sorpresine Kinder e omini lego sono scesi in piazza armati di piccoli cartelli per chiedere libere elezioni. Anche i giocattoli si sono mobilitati dopo le proteste che hanno coinvolto tutta la Russia.

E se per gli uomini sono scattate le repressioni, per i pupazzetti il regime ha avuto un occhio di riguardo, lasciandoli liberi. La Stampa riporta il commento dell'organizzatore della manifestazione:"Mentre le autorità hanno ridotto i nostri diritti costituzionali alla libertà di riunione pacifica, i diritti dei giocattoli per ora non sono stati toccati".


BIELORUSSIA: I PELUCHE IN MANETTE


Non hanno avuto un destino altrettanto felice i peluche che hanno manifestato in Bielorussia, a Minsk. I pupazzi hanno risposto all'appello dell'associazione per i diritti umani "Tell the truth" e si sono riuniti attorno a una fermata dell'autobus per chiedere le dimissioni del Presidente Lukašenko. 






I coraggiosi giocattoli sono stati circondati dalla polizia. Gli organizzatori hanno riferito che i pupazzi  "probabilmente non subiranno accuse, ma sembra chiaro che vi è stata una violazione della legge contro le manifestazioni di massa."

16 febbraio 2012

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Kang Chol-hawan

giornalista coreano fuggito da un gulag della Corea del Nord