English version | Cerca nel sito:

Il sostegno della Fondazione Geremek

alla Giornata Europea dei Giusti


Anche la Fondazione Geremek, istituita per ricordare uno dei più alti esponenti della lotta al totalitarismo comunista e l'artefice dell'ingresso della Polonia nell'Unione Europea, aderisce al nostro appello per istituire una Giornata Europea dei Giusti

Ecco quanto ci scrive il Presidente della Fondazione: "A nostro avviso l’idea di fare memoria delle persone che hanno contribuito a salva la dignità e la vita umana durante i regimi totalitari è pienamente conforme alla vita e ai valori rappresentati dal patrono della nostra Fondazione: il professor Bronisław Geremek.


L’istituzione di una Giornata Europea di Memoria dei Giusti sarà l’occasione per promuovere i valori della tolleranza, del coraggio civile, del rispetto dell’altro. per questo invitiamo i membri del Parlamento Europeo a firmare la Dichiarazione Scritta dell’iniziativa". Scarica il testo completo della lettera in italiano nel box a fondo pagina. 

1 marzo 2012

Commenti

Difesa della dignità umana

contro le derive totalitarie

In Protesi, della raccolta I racconti di Kolyma, Varlam Shalamov fa dire al protagonista, detenuto nel gulag, rivolto ai carnefici che volevano spogliarlo di tutto: "No, l'anima non ve la do!".In questa frase è racchiusa l'essenza dei Giusti: coloro che rifiutano di "vendere l'anima" nelle situazioni estreme, pur con la paura di passare nel campo delle vittime o di non avere più scampo, di fronte alle persecuzioni, all'odio, alle discriminazioni.
La difesa della dignità umana risulta così innanzitutto difesa di se stessi, della propria integrità morale, anche nel momento in cui si soccorre un altro essere umano. Per questo possiamo affermare che è giusto il gesto di chi salvaguarda la dignità delle vittime e insieme la propria umanità. Parafrasando la celebre frase del Talmud: "Chi salva una vita salva il mondo intero", possiamo dire che "salva il mondo intero chi salva se stesso", non difendendo la propria vita, ma l'anima, in ascolto della voce autentica della coscienza
Nel gulag raramente si poteva compiere un gesto di soccorso verso un altro prigioniero, ma ogni giorno si poteva cercare di opporsi al processo di disumanizzazione messo lucidamente in moto dal meccanismo perverso del campo di lavoro.

leggi tutto

Approfondimento

L'esperienza storica del totalitarismo sovietico: i Giusti dentro e fuori dal GULag

Documento del Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo su "Giusti e GULag"

Scopri nella sezione

La storia

Gustaw Herling

scrittore polacco che ha raccontato il GULag