English version | Cerca nel sito:

Il grido di Amina

e le proteste del Marocco


Amina aveva 15 anni quando è stata stuprata da un uomo di dieci anni più vecchio. Il padre lo ha denunciato per "circonvenzione di minore"  (come prevede la legislazione marocchina) ma Mustapha per sfuggire alla pena ha deciso di sposare la sua vittima. 

In Marocco infatti l'articolo 475 del codice penale permette a uno stupratore di contrarre matrimonio con la donna che ha violentato per evitare la condanna e il carcere. Mustapha  e il padre della ragazzina hanno trovato un accordo che ha permesso le nozze.


La giovane è stata costretta a lasciare la sua casa per trasferirsi a Chourfa, nella casa dei suoceri. In questa realtà piccolissima Amina è stata isolata e insultata dalla famiglia di suo marito che la considerava "una prostututa", è stata costretta a convivere con l'uomo che l'ha violentata. 


Amina voleva scappare da questa vita e non ha trovato altro modo di farlo che togliersi la vita bevendo veleno per topi.


LE  PROTESTE


La sua vita non è spenta nel silenzio: in Marocco sono previste per sabato una serie di proteste contro l'articolo 475 del codice penale che gli attivisti definiscono "vergognoso".

15 marzo 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Diritti umani

di Ani Boghossian

La storia

Azucena Villaflor

madre di Plaza de Mayo