English version | Cerca nel sito:

"Luigi si nascondeva dietro il pianoforte"

I coniugi Gardin "Giusti tra le Nazioni": salvarono un bambino ebreo


Pietro ed Elisabetta Gardin salvarono la vita di Luigi Rovighi, bambino ebreo che viveva a Bolzano. Per questo gesto sono stati riconosciuti "Giusti tra le Nazioni". La loro storia viene raccontata dalla figlia della coppia,  Maria Luisa Gardin, che riceverà la medaglia di Yad Vashem.

 "Mio padre Pietro era un imprenditore molto intraprendente. Aveva deciso di aprire una fabbrica a Bolzano. In quel periodo c'erano delle agevolazioni e lui ha voluto approfittare dell'occasione per avviare un'impresa. Mio padre aveva aperto la fabbrica grazie al lavoro del signor Rovighi. Era un ingegnere molto in gamba e si era occupato di tutti i calcoli. Luigi era figlio dell'ingegnere. Erano gli anni della guerra,'42-'43, e i tedeschi in quel periodo prelevavano i padri di famiglia ebrei. Se non trovavano il padre, portavano via il primo figlio".


"Mia madre stava passeggiando per Bolzano quando ha incontrato la madre di Luigi: era disperata, aveva paura che le portassero via il figlio. Non ha esitato e con mio padre ha detto alla signora Rovighi che avrebbero nascosto loro Luigi. Lo hanno portato a Caerano, dove vivevano i miei nonni materni e dove anche io e mio fratello ci eravamo trasferiti per scampare alla guerra".


Quando Luigi è arrivato a Caerano era spaventato dato che durante il viaggio il camion dove era nascosto era stato fermato parecchie volte e aveva temuto di essere scoperto. Il padre di Maria Luisa non aveva spiegato loro niente, si era solo raccomandato di dire che quel bambino era un loro "cugino di  Mussolente". Luigi però di solito veniva tenuto nascosto in casa: mentre i due figli dei Gardin potevano giocare tranquillamente in giardino il piccolo Luigi si nascondeva dietro il pianoforte. Maria Luisa, ricordando la vicenda, dice: "Mi sento ancora in colpa per questo".


Luigi è rimasto in casa dei Gardin qualche mese, poi è stato rimandato dai suoi genitori.  I fratelli Gardin hanno ripreso i contatti con lui molti anni dopo grazie ad internet.

29 marzo 2012

Commenti

A Yad Vashem

il primo "Giardino dei Giusti"

Il Giardino dei Giusti di Gerusalemme è sorto nel 1962 presso il Mausoleo di Yad Vashem, il luogo della memoria della Shoah, in applicazione del punto 9 della sua legge istitutiva, approvata dal parlamento israeliano nel 1953, che recita:

"Con la presente legge è istituita la fondazione Yad Vashem a Gerusalemme, per commemorare (…) i giusti tra le nazioni, che hanno rischiato la loro vita per aiutare degli ebrei."

Per commemorare i Giusti tra le Nazioni viene scelto di piantare degli alberi di carrubo. Nasce il Viale dei Giusti, che si allargherà nel giardino omonimo.
Nel 1963 viene istituita la Commissione dei Giusti per scegliere le persone a cui assegnare l'onorificenza e dedicare l'albero. Nella sua attività la Commissione ha nominato circa ventimila giusti.

leggi tutto

Giusti tra le Nazioni

La Commissione dei Giusti

per assegnare l'onorificenza a Yad Vashem

Scopri nella sezione

Multimedia

L'ora del tempo sognato

e i ragazzi dell'orfanotrofio di Torino

La storia

Dimitar Peshev

salvò 48.000 ebrei bulgari dalla deportazione