English version | Cerca nel sito:

Il regime cinese non ha senso dell'umorismo

spente le telecamere di Ai Weiwei


L'artista e dissidente cinese Ai Weiwei aveva ironizzato sullo stato di sorveglianza a cui è sottoposto dalle forze di polizia accedendo quattro webcam collegate a un sito web e dichiarando: "Nella mia vita, c'è così tanta sorveglianza e controllo. il mio telefono, il mio computer...il nostro ufficio è stato perquisito, io sono stato perquisito, ogni giorno vengo pedinato, ci sono telecamere di sorveglianza davanti a casa mia."

"Allora mi sono chiesto, perché non mettere qualche telecamera anche dentro casa, così la gente può vedere tutte le mie attività. Posso fare questo nella speranza che l'altra parte (le autorità, ndr) possa mostrare anche lei un po di trasparenza".

Il governo non ha sorriso alla sua trovata, anzi. Poche ore dopo l'artista ha scritto su Twitter: "Telecamere spente. Ciao  a tutti i guardoni". 


5 aprile 2012

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Il disonore russo

Anna Politkovskaja

Multimedia

Intervista in francese alla filosofa Hannah Arendt

trasmissione del ciclo "Un certain regard", 1974

La storia

Jan Chryzostom Korec

vescovo della Chiesa clandestina