English version | Cerca nel sito:

Bashir contro il Sud Sudan: "Sterminate quegli insetti"

il destino dell'area dipende dalle grandi potenze


Il dittatore di Khartoum Omar al Bashir sta diventando sempre più aggressivo verso lo Stato del Sud Sudan distaccatosi nel 2011 dal suo territorio. Settimana scorsa ha gridato: "Lo libereremo", adesso incita a "sterminare gli insetti sud-sudanesi". 

L'aviazione sudanese nel frattempo sta attaccando diverse città del nuovo Stato che detiene il 75% del petrolio dell'intera area sudanese e sudsudanese. I morti sono già migliaia e la comunità internazionale, con in testa il Presidente USA Barack Obama, chiede invano la cessazione delle ostilità. 


Nel luglio 2009 un lodo arbitrale aveva deciso che la regione dell'Abyei, collegata a Khartoum attraverso l'oleodotto del Nilo, sarebbe rimasta sudanese. Il Sud Sudan però non vuole rimanere privo di questa importante fonte di reddito e ha invaso la zona il 10 aprile, scatenando la furia di Khartoum. 


Ne è seguito un conflitto che ha già causato migliaia di morti, di cui 1220 soldati sudsudanesi, e molti civili colpiti dai terribili Mig29 lanciati da Bashir. Si tratta di una vera e propria rappresaglia, accompagnata da minacce violentissime da parte del Presidente sudanese.


Nel frattempo i dirigenti del Sud Sudan sono in viaggio diplomatico a Pechino, il che, unito agli investimenti cinesi nello sfruttamento del petrolio della zona, dà adito a pensare che la potenza asiatica sia interessata a sostenere Juba.  Il Sudafrica ha cercato di avviare una mediazione, ma sembra che Bashir possa tentare di riprendersi la regione secessionista. L'esito della guerra dipenderà anche dal ruolo dell'Occidente.    

24 aprile 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

18 dicembre: Giornata internazionale dei migranti

Lo scrittore Erri De Luca racconta l'immigrazione di ieri e di oggi

La storia

Padre Emanuel Natalino Vura

il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato