English version | Cerca nel sito:

Un parco per Giovanni Palatucci

a Cremona


Foto dal Comune di Cremona

Foto dal Comune di Cremona

Il 27 aprile 2012 la città di Cremona ha dedicato i Giardini di fronte alla Stazione e un monumento alla memoria al questore Giovanni Palatucci, dichiarato "Giusto tra le Nazioni" da Yad Vashem.

Giovanni Palatucci


Nasce in provincia di Avellino. Dopo una laurea in Giurisprudenza, giura come volontario vice commissario di pubblica sicurezza. Nel 1937 viene trasferito alla questura di Fiume come responsabile dell'ufficio stranieri e poi come commissario e questore reggente.


Con questo ruolo, riesce ad aiutare gli ebrei a scampare dalla persecuzione nazista. In una lettera scrive ai genitori: "Ho la possibilità di fare un po' di bene, e i beneficiati da me sono assai riconoscenti. Nel complesso riscontro molte simpatie. Di me non ho altro di speciale da comunicare".


Per non interrompere il suo aiuto nei confronti degli ebrei rifiuta anche una promozione: si calcola che a Fiume Palatucci ha messo in salvo circa 5 mila persone.


Dal 1943 Fiume viene controllata direttamente dai tedeschi, essendo un territorio di importanza strategica per i nazisti, e il comando passa al capitano delle SS Hoepener. Palatucci è in pericolo ma decide di restare al suo posto, cercando di salvare più ebrei possibili e  di far scomparire i documenti che contenevano informazioni sugli ebrei della città. Il console svizzero di Trieste gli offre una via di fuga in Svizzera ma lui rifiuta, dando la possibilità di salvarsi alla sua compagna ebrea.


Ma delle spie tedesche scoprono la sua attività: Il 13 settembre 1944 Palatucci viene arrestato da Herbert Kappler, tenente colonnello delle SS. Muore nel campo di lavoro forzato di Dachau dove morì pochi giorni prima della Liberazione, a soli 36 anni.


2 maggio 2012

Commenti

Altri luoghi della Memoria in Italia

ricordare il Bene per non arrendersi al Male

Giardini, piazze, boschi, cimiteri-memoriali, alberi,  targhe e cippi sono sorti in ogni luogo, in Italia e nel mondo, per mantenere vivo il ricordo non solo delle persecuzioni, ma anche  di chi ha soccorso le vittime. 

Un esempio per i giovani, una memoria educativa capace di parlare al futuro.

La foresta dei Giusti

Giardini e altri luoghi della Memoria

in Italia e nel mondo

Scopri nella sezione

La storia

Attilio Francesetti

il Giusto della montagna