English version | Cerca nel sito:

Dov'è Farah?

Scomparsa una donna siriana


Una foto di Farah (Da Facebook)

Una foto di Farah (Da Facebook)

Dalle pagine de Il Fatto Quotidiano l'attivista Shady Hamadi denuncia la scomparsa di Farah Hwijeh, 30 anni, siriana. La donna è stata arrestata dai servizi di sicurezza senza motivo lo scorso cinque maggio. 

Shady Hamadi scrive: "Sua cugina, Eva Zidan, archeologa all’università di Udine, nonché mia cara amica, mi ha detto: “Non abbiamo saputo né in che prigione è rinchiusa né quando e se verrà processata. Di mia cugina se ne sta occupando suo padre, avvocato, che da anni assiste i prigionieri di coscienza. Siamo davvero preoccupati”.

Di seguito potrete leggere l’appello disperato che la famiglia ha scritto e rivolto a tutti.


'Farah è una volontaria attiva. Ha partecipato a molti progetti con l’Associazione siriana per l’ambiente tra cui la realizzazione del giardino botanico, una mostra sui fiori, il rinfoltimento della flora del monte Qasiun che svetta su Damasco.


Ha preso parte anche a molte attività per i bambini malati di cancro.


Nel luglio 2006, durante la guerra di Israele contro il Libano era lì, sul confine siro-libanese, ad aiutare le famiglie libanesi in fuga verso la Siria.


Farah è stata l’ideatrice del progetto “coperchi di plastica”: ha avuto l’idea di raccogliere i coperchi in plastica delle bottiglie, di rivenderli a industrie di riciclaggio della plastica a Damasco e utilizzare i soldi ricavati per comprare sedie a rotelle per i bambini che ne hanno bisogno.


Farah si è molto impegnata anche per la salvaguardia dell’Ibis testanera – Abu Manjal – un uccello che vive in Siria, in una zona semi-desertica, e che è a rischio di estinzione.


Farah ora è in carcere. È in prigione nel paese che ama… Qual è il crimine che ha commesso? Addebitiamo la responsabilità di qualunque danno arrecato a Farah Hwijeh alle forze di sicurezza siriane e chiediamo il suo rilascio immediato'".


La pagina di Facebook per la liberazione di Farah

23 maggio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Invictus

il film di Clint Eastwood sull'apartheid

La storia

Sylvie Maunga Mbanga

avvocato contro gli stupri e per il dialogo tra le etnie