English version | Cerca nel sito:

Donna condannata alla lapidazione

in Sudan


Bruxelles, luglio 2010: sit-in contro le lapidazioni

Bruxelles, luglio 2010: sit-in contro le lapidazioni

Amnesty  International denuncia che una donna sudanese è stata condannata alla lapidazione per "adulterio". Intisar Sharif  ha 20 anni, è rinchiusa in carcere con suo figlio, un neonato di quattro mesi. 

Durante il processo la donna non ha avuto l'assistenza di un legale. La donna inizialmente si era dichiarata innocente, poi ha confessato, dopo essere stata picchiata dal fratello. La testimonianza del fratello è stata l'unica considerata valida dai giudici.


Questa barbara condanna a morte è prevista nei Paesi dove è in vigore la Sharia. La vittima viene legata o sepolta fino alla vita e colpita con sassi che non devono essere né troppo piccoli da non causare danni né troppo grandi da ucciderla sul colpo. La donna rimane cosciente per tutta la durata dell'esecuzione, se riesce a liberarsi o non viene uccisa le viene risparmiata la vita.


Intisar è madre di altri due bambini.

1 giugno 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

The act of killing

di Joshua Oppenheimer (2012)

La storia

Fannie Lou Hamer

attivista per i diritti civili e politici dei neri