English version | Cerca nel sito:

Gli islamisti conquistano il Nord del Mali

imposta la sharia su Timbuctù


L'antica città africana meta di pellegrini e turisti è caduta in aprile sotto la morsa del fondamentalismo islamico. Molti scappano, affollando i campi profughi allestiti nella capitale Bamako. 

Le donne sono costrette a indossare il velo integrale. Per loro la situazione è particolarmente grave. I ribelli le minacciano con le pistole qualunque cosa facciano. L'attivista per i diritti civili Baba Aicha Kalil ha dichiarato al New York Times: "Vogliono mettere il velo a tutto". Una donna ha avuto un orecchio mozzato perché portava una gonna "troppo corta".  


Le radio non possono più trasmettere la musica; i fondamentalisti stanno sfregiando le statue dei santi locali, alcune delle quali risalgono al 15° secolo. Ovunque sventolano le bandiere di Ansar Dine, "i difensori della fede", il movimento integralista che è partito dal deserto per impadronirsi dei centri urbani. 


Il Mali settentrionale è un'area grande quanto la Francia. Ansar Dine, sostenuto da Al Qaeda, sta riuscendo a imporre la legge islamica ai touareg. I giornalisti occidentali non sono ammessi e i pochi europei o americani che cercano di portare avanti attività o missioni come quelle cristiane rischiano il sequestro di persona.


La polizia islamica punisce con le frustate chiunque si accenda una sigaretta o beva alcoolici. Le strade sono deserte. I negozi e le banche sono chiusi. Gli uomini non stanno più all'aperto a conversare degustando il té quando scende la sera. Timbuctù ha ormai l'aspetto di una città fantasma. 
 

8 giugno 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Donne senza uomini

il film di Shirin Neshat su quattro donne che sognano un altro Iran

La storia

Fatima Mernissi

scrittrice, docente di sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, Marocco