English version | Cerca nel sito:

Gli europei di calcio visti da un sopravvissuto

Zigi Shipper parla alla nazionale inglese


Zigi Shipper, 82 anni, è un uomo attivo e vivace che ama molto il calcio. Cittadino britannico, è originario della città polacca di Lodz, dove da piccolo nel ghetto non perdeva un'occasione di correre dietro al pallone. Quando è stato rinchiuso ad Auschwitz non ha potuto più farlo. 

Per questo ora cerca di educare i giovani alla memoria dell'Olocausto anche quando si tratta dei tifosi che cantano cori razzisti o, com'è successo a Poznan, fanno di peggio: tirano banane al calciatore nero italiano Mario Balotelli, che è anche nel mirino di organizzazioni razziste come quella che sta dietro al sito Stormfront. 


La nazionale inglese affronta il razzismo e l'antisemitismo


Su iniziativa della English Football Association e dell'Holocaust Education Board, Zigi è tornato nella natia Polonia insieme con Ben Helfgott, un sopravvissuto di Buchenwald e Terezin che dopo la guerra ha rappresentato l'Inghilterra alle Olimpiadi in qualità di lanciatore di pesi. 


Ben e Zigi hanno parlato alla squadra di calcio britannica, convinti che i giovani, attraverso gli idoli dello sport, possano trarre modelli positivi ed evitare di ripetere le discriminazioni che hanno colpito loro in gioventù. Hanno preparato i giocatori alla visita ad Auschwitz prevista per quando il team si trovava a Cracovia. Gli atleti li hanno ascoltati in silenzio e con molta commozione. 


I campionati europei di calcio acquistano così un nuovo significato: i Paesi ospitanti non sono più solamente mete turistiche, ma vengono analizzati criticamente dal punto di vista civile e democratico. La Polonia per esempio è vista da Zigi Shipper come un Paese ancora afflitto dall'odio antisemita, sia pure oggi affievolito rispetto ai pregiudizi contro i russi. 


Il rispetto delle regole contro ogni discriminazione


"Ai polacchi è stato insegnato per centinaia di anni che gli ebrei avrebbero ucciso Cristo e sono da condannare", spiega il sopravvissuto, che non risparmia dure parole all'indirizzo della UEFA: "Sono degli ipocriti, cercano di ignorare ciò che accade e non compiono la minima azione", afferma indignato a proposito delle violenze degli ultrà. "La UEFA avrebbe dovuto sapere che in Polonia e Ucraina ci sarebbero stati questi problemi. Perché scegliere proprio di disputare lì gli europei?". 


D'altra parte è pronto a riconoscere che Polonia e Ucraina in quanto membri UEFA hanno diritto di ospitare le squadre. E al calciatore che gli chiede se sia giusto uscire dal campo quando un collega viene colpito da insulti razzisti, Zigi risponde: "No, perché così facendo darebbe un premio agli antisemiti, ai razzisti. Non tutti gli spettatori lo sono".   


21 giugno 2012

Commenti

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Don Eugenio Bussa

fondò la Colonia di sfollamento, nella quale nascose numerosi ebrei