English version | Cerca nel sito:

Il Generale Bachelet morì per le torture

la sentenza a 39 anni dal golpe in Cile


Il padre dell'ex Presidente cileno Michelle Bachelet non sarebbe morto per cause naturali, bensì per le sevizie dei fedelissimi di Pinochet. Lo ha stabilito un giudice incaricato di riesaminare una denuncia presentata da parenti delle vittime del regime militare. Le torture avrebbero compromesso le condizioni cardiache del Generale, rimasto fedele a Salvador Allende fino al momento in cui i fascisti presero il potere. 

La cattura e le torture fatali


Il militare fu catturato da membri dell'esercito che fino a quel momento aveva diretto subito dopo il golpe dell'11 settembre 1973. Fu processato per alto tradimento e incarcerato a Santiago del Cile fino alla morte, avvenuta il 12 marzo 1974. 


Anche la moglie Angela Jeria e la figlia Michelle furono detenute e seviziate prima di fuggire in Australia. Oggi Michelle è direttore dell'Agenzia ONU per i diritti delle donne. Il giudice che ha indagato sulla morte di suo padre ha seguito anche gli accertamenti sulla dipartita di Allende, da sempre al centro di polemiche. 


Le indagini sulla morte di Salvador Allende


Un team internazionale di esperti ha decretato che il Presidente legittimo del Cile si suicidò in seguito all'occupazione fascista del palazzo della Moneda, tesi accettata anche dai suoi congiunti, ma alcuni dei suoi sostenitori ritengono che sia stato ucciso.  

21 giugno 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Giornata mondiale contro la pena di morte

10 miti da sfatare secondo Amnesty USA

La storia

Jean-Sélim Kanaan

il giovane impegnato in missioni umanitarie caduto a Bagdad nell'attentato alla sede ONU