English version | Cerca nel sito:

Ancora morti nel nord della Nigeria

scontri tra cristiani e musulmani


Almeno 5 persone sono rimaste uccise nel conflitto interreligioso in atto nel Paese africano. Il picco di tensione sarebbe stato causato da SMS che annunciavano "senza fondamento" attacchi e controattacchi nelle vie della città settentrionale di Kaduna.

Malgrado il coprifuoco imposto dopo gli attacchi alle chiese cristiane del 17 giugno sono continuati violenze, uccisioni e saccheggi nei quartieri abitati dalle popolazioni haussa e fulani. Secondo il giornale francese Le Monde le ragioni dello scontro in atto nel Paese sarebbero triplici: politiche, sociali e religiose. 


Il Boko Haram vuole una guerra di religione? 


La setta di islamisti che sta mettendo a ferro e fuoco il nord del Paese è riuscito a creare una profonda divisione in una società dove i musulmani e i cristiani sono pari numericamente e solitamente convivevano. Il suo nome in lingua haussa significa "l'educazione occidentale è un peccato" e il suo fine principale è di instaurare la sharia. 


Nel 2004 si trattava di un gruppo di originari del ceto medio o della piccola borghesia colta che avevano abbandonato le famiglie d'origine per il loro progetto fanatico. Oggi il Boko Haram ha legami anche con al Qaeda e ha lanciato un attacco frontale al debole Stato nigeriano. 


La condanna della comunità internazionale


In genere la comunità internazionale condanna queste violenze. L'alto commissario ONU per i diritti dell'uomo Navi Pillay ha dichiarato che la setta è responsabile di "crimini contro l'umanità". Gli Stati Uniti dal canto loro starebbero discutendo del problema nigeriano ad alti livelli. 


I fondamentalisti musulmani rivendicano una società più tradizionalista, un'economia conforme alla legge islamica e a volte anche l'accesso a risorse come terre dove praticare la pastorizia. I cristiani sarebbero un gruppo più attivo e progredito, colpito anche per il suo dinamismo. 
 

22 giugno 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Franca Sempre presente

la prima puntata della storia di Vera Vigevani Jarach

La storia

Enrico Calamai

vice console che ha salvato 300 persone dalla dittatura militare