English version | Cerca nel sito:

Denuncia l'aborto forzato subito da sua moglie

ora non si hanno sue notizie


"Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio". Con queste parole Deng Jiyuan, 29 anni, poche settimane fa aveva denunciato la tragedia di cui la sua famiglia è stata protagonista. Sua moglie è stata costretta ad abortire del secondo figlio al settimo mese di gravidanza. Oggi Deng è sparito: non si hanno sue notizie da qualche giorno.


Feng Jianmei, 22 anni e Deng hanno già una figlia di cinque anni e un secondo figlio è proibito dalla legge. Gli impiegati hanno chiesto di pagare una multa di 40mila yuan (4 mila euro, 4 anni di stipendio) oppure di subire l'aborto. Per legge l'aborto dopo il sesto mese di gravidanza è proibito. 


Su internet è comparsa l'immagine terribile della donna addormentata accanto al feto morto. Gli impiegati responsabili dell'interruzione di gravidanza sono stati rimossi dall'incarico e  "puniti", non è chiaro come. Punizioni anche per i medici che hanno eseguito l'aborto. Alla famiglia è stato concesso un risarcimento e il permesso di avere un altro figlio.


Dov'è Deng Jiyuan?


Ora c'è angoscia per la sorte di suo marito:  Deng Jiyuan è sparito da diversi giorni. Da oltre una settimana egli e i suoi familiari subivano controlli, pressioni e violenze. Si pensa a una vendetta del governo locale perché hanno denunciato la violenza ai media internazionali.


Deng Jiyuan è stato seguito per giorni da poliziotti e teppisti a casa, all'ospedale, dove sua moglie è ricoverata, fino alla toilette. Le pressioni sono iniziate quando Deng ha cercato di andare a Pechino per partecipare a una trasmissione online sull'aborto. L'uomo è stato minacciato e picchiato diverse volte. Le pressioni sono aumentate quando la famiglia ha dato un'intervista al settimanale tedesco Stern


Domenica 24 giugno circa 40 persone sono arrivate all'ospedale gridando e portando striscioni che minacciavano tutta la famiglia con la scritta "Picchia forte i traditori e buttali fuori da Zengjia". Uno dei parenti, che ha cercato di fotografare il gruppo, è stato malmenato.

26 giugno 2012

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Aleksandr Solženicyn, mio padre

un ricordo del grande scrittore russo

La storia

Barbara Skarga

filosofa di Solidarnosc