English version | Cerca nel sito:

L'Aja: Karadzic assolto dall'accusa di genocidio in Bosnia

ma resta imputato per il massacro di Srebrenica


Radovan Karadzic (foto di Mikhail Evstafiev)

Radovan Karadzic (foto di Mikhail Evstafiev)

Il Tribunale penale internazionale dell'Aja ha assolto Radovan Karadzic dall'accusa di genocidio. L'ex capo politico serbo non è stato ritenuto responsabile del massacro di 100 mila persone - musulmani e croati bosniaci - nei primi mesi del conflitto in Bosnia, nel 1992.
Tuttavia sul capo dell'ex presidente serbo, che aveva chiesto l'assoluzione completa  da tutti i capi di imputazione, pendono ancora pesantissime accuse: Karadzic resta imputato per altri nove crimini di guerra e contro l'umanità - commessi tra il 1992 e il 1995 con un bilancio di 100 mila morti e oltre 2 milioni di profughi - e per il genocidio di Srebrenica. In quello che è ritenuto il più efferato massacro commesso in Europa dalla fine della seconda guerra mondiale, sono stati uccisi, con spietata premeditazione, 8 mila ragazzi musulmani.

Ed è proprio quello legato alla premeditazione, o meglio, all'"intento", il passaggio chiave per capire la sentenza del Tribunale. Nelle argomentazioni con cui la Corte spiega la propria scelta si parla di "atti riprovevoli contro i musulmani bosniaci e i croati bosniaci" e di "condizioni di grave sofferanza" non sufficienti però a "concludere che è stato commesso un genocidio". Secondo i giudici dell'Aja non vi sono prove sufficienti per dimostrare che i massacri del 1992 siano stati compiuti con l"intento" di sterminare un intero popolo.

I molti che, non solo in Bosnia e non solo tra le vittime, si sono ritrovati delusi e in totale disaccordo con la decisione dell'Aja dovranno attendere il giudizio sui fatti di Srebrenica.
Il processo a Karadzic, iniziato nel 2009, ha appena visto concludere la presentazione degli argomenti da parte dell'accusa e a settembre inizierà la fase dedicata alla difesa.
Karadzic, che si difende da solo, è stato arrestato a Belgrado nel 2008 dopo una latitanza di 13 anni. Come lui, nel carcere del Tpi a Scheveningen, sono detenuti l'ex generale e suo collaboratore Ratko Mladic - imputato per il genocidio di Srebrenica e l'assedio di Sarajevo - e Goraz Hadzic, leader politico dei serbi di Croazia.

29 giugno 2012

Commenti

La pulizia etnica

nella ex-Jugoslavia

La Jugoslavia federale era costituita da sei repubbliche (Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia) e due regioni autonome unite alla Serbia (Kosovo e Vojvodina). Con la morte di Tito, nel 1980, scoppiano le tensioni politiche che sono all'origine della guerra civile tra le varie repubbliche che componevano lo Stato federale.
Nel periodo che va dal 1990 al 1999, con un precedente nel 1989, quando la Serbia si oppone all'autonomia del Kosovo, le parti in guerra utilizzano a più riprese la pulizia etnica per prevalere.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

No Man’s land

Film di denuncia dell'assurdità della guerra e dell'inerzia dell'ONU

La storia

Dragan Andric

Un intellettuale serbo contro il genocidio bosniaco