English version | Cerca nel sito:

Yad Vashem: rettifica su Pio XII

ammorbidita la condanna per il suo comportamento durante la Shoah


Papa Pacelli in visita al quartiere S. Lorenzo di Roma, dopo il bombardamento (1943)

Papa Pacelli in visita al quartiere S. Lorenzo di Roma, dopo il bombardamento (1943)

Il Memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme cambierà la targa dedicata a Pio XII.  La nuova iscrizione definisce l'azione del pontefice durante la Shoah una "mancanza morale" (moral lack)  ma nel complesso il giudizio sul suo operato è più morbido rispetto a quello espresso nella vecchia targa, posta nel 2007, in cui si sottolineava che egli non aveva protestato "verbalmente o per iscritto" per lo sterminio degli ebrei.

La vecchia iscrizione, che si intitolava "Pio XII e gli ebrei", lascerà quindi il posto a un nuovo testo, dal titolo "Il Vaticano e l'Olocausto" che elenca gli aspetti controversi del pontificato ma spiega anche che la "neutralità" del Papa ha permesso "un numero importante di salvataggi clandestini a diversi livelli della Chiesa". Il nuovo testo, inoltre, precisa che fu Pio XI, e non Pacelli, all'epoca dei fatti Segretario di Stato, a firmare il concordato con la Germania nazista.


Il direttore del Centro di studi internazionali di Yad Vashem Dan Michman ha dichiarato che il testo nasce da nuove acquisizioni storiche e non da negoziati con la Santa Sede: sono state svolte ricerche sui documenti d'archivio fino al 1939 e raccolti commenti dai visitatori del Memoriale. 


Da Yad Vashem un invito al Vaticano: rendere pubblici i documenti degli anni della Seconda guerra mondiale.

2 luglio 2012

Commenti

A Yad Vashem

il primo "Giardino dei Giusti"

Il Giardino dei Giusti di Gerusalemme è sorto nel 1962 presso il Mausoleo di Yad Vashem, il luogo della memoria della Shoah, in applicazione del punto 9 della sua legge istitutiva, approvata dal parlamento israeliano nel 1953, che recita:

"Con la presente legge è istituita la fondazione Yad Vashem a Gerusalemme, per commemorare (…) i giusti tra le nazioni, che hanno rischiato la loro vita per aiutare degli ebrei."

Per commemorare i Giusti tra le Nazioni viene scelto di piantare degli alberi di carrubo. Nasce il Viale dei Giusti, che si allargherà nel giardino omonimo.
Nel 1963 viene istituita la Commissione dei Giusti per scegliere le persone a cui assegnare l'onorificenza e dedicare l'albero. Nella sua attività la Commissione ha nominato circa ventimila giusti.

leggi tutto

Giusti tra le Nazioni

La Commissione dei Giusti

per assegnare l'onorificenza a Yad Vashem

Scopri nella sezione

Multimedia

L'ora del tempo sognato

e i ragazzi dell'orfanotrofio di Torino

La storia

Salvatore Corrias

il giovane sardo che fece espatriare in Svizzera centinaia di ebrei