English version | Cerca nel sito:

Mali, gli islamisti posano mine anti-uomo

in via "preventiva" contro i Touareg


I fondamentalisti hanno circondato di micidiali ordigni la città di Gao nel nord del Paese, dove temono che i ribelli touareg possano giungere per attaccarli. Un tempo i due gruppi lottavano insieme per la conquista della zona, ma poi si sono divisi per motivi religiosi. 

"La città circondata dalle mine anti-uomo somiglia ormai a una prigione per la maggior parte degli abitanti, dediti alla pastorizia o all'allevamento", ha dichiarato un residente alla BBC. I negozi e i mercati risultano chiusi perché la popolazione locale è terrorizzata. 


Ora il nord del Mali è per la maggior parte nelle mani dei fondamentalisti di Ansar Dine, il gruppo di fondamentalisti legati ad Al-Qaeda che stanno conducendo gli attacchi ai monumenti sacri di Timbuctù, secondo alcuni per spregio dell'UNESCO che li ha dichiarati "patrimonio dell'umanità" e secondo altri perché per loro "venerare i Santi costituisce un attentato al vero Islam". 

4 luglio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Il giardino dei limoni

una coltivazione di agrumi in Cisgiordania nasconde per forza terroristi?

La storia

Amina Wadud

docente di studi islamici presso il Dipartimento di filosofia e studi religiosi dell'Università americana della Virginia