English version | Cerca nel sito:

Mali, gli islamisti posano mine anti-uomo

in via "preventiva" contro i Touareg


I fondamentalisti hanno circondato di micidiali ordigni la città di Gao nel nord del Paese, dove temono che i ribelli touareg possano giungere per attaccarli. Un tempo i due gruppi lottavano insieme per la conquista della zona, ma poi si sono divisi per motivi religiosi. 

"La città circondata dalle mine anti-uomo somiglia ormai a una prigione per la maggior parte degli abitanti, dediti alla pastorizia o all'allevamento", ha dichiarato un residente alla BBC. I negozi e i mercati risultano chiusi perché la popolazione locale è terrorizzata. 


Ora il nord del Mali è per la maggior parte nelle mani dei fondamentalisti di Ansar Dine, il gruppo di fondamentalisti legati ad Al-Qaeda che stanno conducendo gli attacchi ai monumenti sacri di Timbuctù, secondo alcuni per spregio dell'UNESCO che li ha dichiarati "patrimonio dell'umanità" e secondo altri perché per loro "venerare i Santi costituisce un attentato al vero Islam". 

4 luglio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Quando Nina Simone ha smesso di cantare

Darina Al-Joundi, Mohamed Kacimi

Multimedia

La strage di Piazza Fontana

in un servizio del telegiornale su RaiTre

La storia

Fatima Mernissi

scrittrice, docente di sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, Marocco