English version | Cerca nel sito:

Salviamo Lal Bibi dal suicidio

firmiamo la petizione di Avaaz


Lal Bibi è una diciottenne afghana. È stata violentata e torturata da un gruppo di poliziotti e la tradizione impone che si suicidi per salvare l'onore della famiglia. La ragazza sta lottando coraggiosamente per aver salva la vita. Per questo serve che i veri colpevoli siano consegnati alla giustizia. 


Se ne sta occupando l'associazione Avaaz.org, che ha già sostenuto la lotta di Sakineh Mohammadi Ashtiani contro la lapidazione e numerose altre battaglie a favore di donne minacciate dall'impunità delle forze di polizia e dalla furia fondamentalista. 

Per salvare Lal occorre che la popolazione afghana riconosca nei poliziotti e non nella giovane i veri colpevoli. Bisogna pertanto che i responsabili delle violenze da lei subite siano portati davanti alla giustizia. 

Una firma contro l'impunità

In genere la magistratura afghana non persegue mai i membri delle forze dell'ordine. Ora sta cercando di dilazionare ogni decisione, forse sperando che la pressione internazionale si attenui. Una protesta globale però potrebbe convincere i giudici a provvedere. Giova ricordare che in questo caso i parenti della ragazza lottano con lei per poterla sottrarre al suicidio, salvaguardando anche la sua dignità. 

Sul sito del gruppo per la difesa dei diritti umani si può firmare la petizione per Lal. L'associazione chiede anche che i programmi di addestramento della nuova polizia afghana diretti dagli Stati Uniti siano subordinati al rispetto dei diritti umani


6 luglio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Jean-Sélim Kanaan

il giovane impegnato in missioni umanitarie caduto a Bagdad nell'attentato alla sede ONU