English version | Cerca nel sito:

I bosniaci ricordano Srebrenica

nell'anno del processo Mladic


L'11 luglio la Bosnia ricorda il massacro del 1995, quando Ratko Mladic e Radovan Karadzic comandarono le loro truppe nella prima "zona protetta" dall'ONU della storia, Srebrenica, un'enclave musulmana nella parte orientale del Paese. 

Qui circa 8.000 bosniaci, uomini e adolescenti, furono uccisi dalle forze serbe di Bosnia. Il diciassettesimo anniversario della strage è segnato dall'attività della Corte penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia. Il conflitto che segnò la fine della Repubblica federale fondata da Tito costò la vita a 100 mila persone


Ripresa del processo Mladic


Il Tribunale ha dichiarato che a Srebrenica i serbo-bosniaci perpetratrono un "genocidio" e faticosamente, con intoppi dovuti a vizi di forma e altri problemi, sta cercando di perseguire i loro comandanti militari per crimini di guerra e contro l'umanità.


Il 9 luglio è ripreso a L'Aja il processo Mladic. Ha parlato il primo testimone dell'Accusa, il 34enne Elvedin Pasic, che sopravvisse nel 1992 all'esecuzione di circa 150 persone a Grabovica, nella Bosnia settentrionale. Le audizioni dei teste andranno avanti fino al 20 luglio, quando inizierà la pausa estiva per la Corte.  


"Un dolore insopportabile"


La commemorazione ufficiale del genocidio prevede la sepoltura di 520 vittime, che sono state riesumate dalle fosse comuni negli anni passati. Ogni anno questi morti vengono onorati nel Memoriale di Potocari. Fino a oggi le vittime inumate sono state 5.137. 


È previsto l'arrivo a Potocari di almeno trentamila persone, molte delle quali traumatizzate per la perdita dei loro congiunti e per la violenza con cui è avvenuta. Sevdjia Halilovic, venuta a commemorare il padre, dichiara piangendo a un giornalista di Le Monde: "È un dolore senza fine. E ogni volta che arriva l'11 luglio, si fa insopportabile".  


11 luglio 2012

Commenti

La pulizia etnica

nella ex-Jugoslavia

La Jugoslavia federale era costituita da sei repubbliche (Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia) e due regioni autonome unite alla Serbia (Kosovo e Vojvodina). Con la morte di Tito, nel 1980, scoppiano le tensioni politiche che sono all'origine della guerra civile tra le varie repubbliche che componevano lo Stato federale.
Nel periodo che va dal 1990 al 1999, con un precedente nel 1989, quando la Serbia si oppone all'autonomia del Kosovo, le parti in guerra utilizzano a più riprese la pulizia etnica per prevalere.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Benvenuti a Sarajevo

Clip del film di M. Winterbottom su Sarajevo assediata

La storia

Jovan Divjak

autore di " Sarjevo mon amour "