English version | Cerca nel sito:

Le donne manifestano in Afghanistan

dopo l'esecuzione di una di loro


Un centinaio di afghani, in maggioranza donne, è sceso in piazza per protestare contro la fucilazione di Najba, una ragazza di 22 anni giustiziata dai talebani in un villaggio a nord di Kabul. Gli assassini hanno citato versetti coranici durante l'esecuzione, che è stata anche filmata. 

"Vogliamo giustizia", hanno chiesto i manifestanti radunati davanti al Ministero della donna. Tra di loro, Sahar Gul, a 15 anni era stata costretta a subire torture nello scantinato della casa dei suoceri. Un'altra ha avuto il volto sfigurato dall'acido perché aveva rifiutato un matrimonio forzato. 


In Afghanistan ogni mese le donne sono vittime di crimini odiosi. Secondo l'ONG Oxfam, l'87 % delle afghane afferma di aver subito violenze fisiche, sessuali o psicologiche o matrimoni forzati. Le Monde spiega che "la società civile afghana accusa il governo di fare il doppio gioco: usare i diritti delle donne come argomento politico davanti agli occidentali per poi cedere sistematicamente al volere degli estremisti". 


Sempre secondo il giornale francese il Presidente Karzai avrebbe dato il suo appoggio a un editto del Consiglio degli ulema, le più alte autorità religiose dell'Afghanistan, secondo cui "l'uomo è fondamentale e la donna è secondaria".    

12 luglio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Quando Nina Simone ha smesso di cantare

Darina Al-Joundi, Mohamed Kacimi

La storia

Khalida Toumi Messaoudi

algerina, ministro della Comunicazione e della Cultura nel 2001