English version | Cerca nel sito:

Forza d'interposizione neutrale

Rwanda e Congo verso l'accordo


I governi di Kigali e Kinshasa hanno convenuto in linea di principio sulla costituzione di una forza che sorvegli i confini e contrasti le attività dei movimenti di guerriglia attivi nell'Est della Repubblica Democratica del Congo

L'accordo è stato raggiunto a un vertice dell'Unione Africana. Finora i leader dei due Paesi si accusavano reciprocamente di sostenere i gruppi ribelli alla frontiera, e sono ricorsi alla forza armata. 


Kagame e il suo omologo congolese hanno stabilito l'impegno a "non appoggiare forze negative miranti alla destabilizzazione in generale e a quella del Congo orientale in particolare".


Esiste già una forza ONU di peacekeeping nell'area, ma ora il suo mandato potrebbe esserne modificato. 


Il conflitto dura dal 1994, anno del genocidio in Rwanda. Qui ha operato il criminale di guerra Thomas Lubanga e tuttora opera il ricercato all'Aja Bosco Ntaganda. 

17 luglio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Dawson: Isla 10

Film sul lager dei golpisti cileni, dalle memorie di Sergio Bitar

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo