English version | Cerca nel sito:

Perché Assad resiste?

l'analisi di Vittorio Dan Segre


Bashar al-Assad

Bashar al-Assad

Nonostante le denunce internazionali e il piano di intervento elaborato dall'Onu dopo i fatti cruenti delle ultime settimane, il regime di Bashar al-Assad è ancora saldamente al potere in Siria. Questa "capacità di resistenza" si spiega, secondo il professor Vittorio Dan Segre, tenendo conto delle divisioni in seno al comitato rivoluzionario - contrapposte alla tenuta di un governo che non ha subito defezioni -, dell'inattendibilità delle informazioni provenienti da entrambe le parti, della 'fisionomia' di un paese, la Siria, che "come stato unitario nazionale non è mai esistita". 

"La Siria è infatti un mosaico di etnie e religioni - scrive Dan Segre - che teme l’arrivo al potere dell’etnia religiosa mussulmana sunnita maggioritaria (leggi Fratelli musulmani) di cui gli altri gruppi a loro volta temono la supremazia e le vendette."

E quanto ai rapporti internazionali, Dan Segre cita tre grandi potenze: "l’Iran che sostiene militarmente il regime al potere in quanto rappresenta il doppio ponte strategico con il Libano e con l’organizzazione shiita degli Hezbollah e contro Israele; la Russia ha in Siria il suo sbocco strategico sul Mediterraneo, con basi navali e, fattore da non dimenticare, 30 mila russi o russe sposate con siriani e residenti locali, ed infine la Cina che ha nell’Iran il suo maggiore fornitore di petrolio."

Leggi l'articolo di Vittorio Dan Segre su blog.ilgiornale.it 

18 luglio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Cities for life: NO alla pena di morte

30 novembre, la mobilitazione delle città contro la pena capitale

La storia

Padre Emanuel Natalino Vura

il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato