English version | Cerca nel sito:

Perché Assad resiste?

l'analisi di Vittorio Dan Segre


Bashar al-Assad

Bashar al-Assad

Nonostante le denunce internazionali e il piano di intervento elaborato dall'Onu dopo i fatti cruenti delle ultime settimane, il regime di Bashar al-Assad è ancora saldamente al potere in Siria. Questa "capacità di resistenza" si spiega, secondo il professor Vittorio Dan Segre, tenendo conto delle divisioni in seno al comitato rivoluzionario - contrapposte alla tenuta di un governo che non ha subito defezioni -, dell'inattendibilità delle informazioni provenienti da entrambe le parti, della 'fisionomia' di un paese, la Siria, che "come stato unitario nazionale non è mai esistita". 

"La Siria è infatti un mosaico di etnie e religioni - scrive Dan Segre - che teme l’arrivo al potere dell’etnia religiosa mussulmana sunnita maggioritaria (leggi Fratelli musulmani) di cui gli altri gruppi a loro volta temono la supremazia e le vendette."

E quanto ai rapporti internazionali, Dan Segre cita tre grandi potenze: "l’Iran che sostiene militarmente il regime al potere in quanto rappresenta il doppio ponte strategico con il Libano e con l’organizzazione shiita degli Hezbollah e contro Israele; la Russia ha in Siria il suo sbocco strategico sul Mediterraneo, con basi navali e, fattore da non dimenticare, 30 mila russi o russe sposate con siriani e residenti locali, ed infine la Cina che ha nell’Iran il suo maggiore fornitore di petrolio."

Leggi l'articolo di Vittorio Dan Segre su blog.ilgiornale.it 

18 luglio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Il secolo del genocidio

R. Gellately, B. Kiernan (a cura di)

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo