English version | Cerca nel sito:

Commemorazione del Velodromo d'Inverno

Hollande ammette le colpe della Francia


Il Presidente francese ha ricordato con queste parole i 13.000 ebrei radunati il 16 luglio 1942 nel famoso stadio e deportati ad Auschwitz: "La verità, dura, crudele, è che neanche un soldato tedesco, neppure uno, partecipò a questa operazione. La verità è che il crimine fu commesso in Francia, dalla Francia". 

Ci sono voluti 70 anni per questa ammissione di colpa da parte di Parigi. "Questo crimine si è svolto qui, nella nostra capitale, nei nostri cortili, nelle nostre strade, nelle scale dei nostri palazzi, sotto le tettoie delle nostre scuole", ha detto Hollande. 


I nazisti e i collaborazionisti in Francia decimarono una popolazione ebraica di oltre 320.000 persone, deportandone 76.000, delle quali solo 2.500 mila fecero ritorno dai lager.  Dei 4.000 bambini deportati della retata del Velodromo d'Inverno nessuno fece  ritorno. 


Il Presidente francese ha ricordato nel discorso anche la piaga dell'antisemitismo moderno, espresso ad esempio nella strage di Tolosa, "dove dei bambini sono morti per la stessa ragione: erano ebrei. L'antisemitismo non è un'opinione, è un'abiezione". 

23 luglio 2012

Commenti

Shoah

il genocidio degli ebrei

Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Intervista a Giorgio Perlasca

intervista del 1990, Tv svizzera

La storia

Bendetto De Beni

Il capitano d'artiglieria Giusto tra le Nazioni