English version | Cerca nel sito:

Il maratoneta del Sud Sudan

Guor Marial concorrerà sotto bandiera olimpica


Il rifugiato del Sudan del Sud Guor Marial, 28 anni, correrà alle Olimpiadi sotto bandiera olimpica. Il suo Paese è indipendente da appena un anno e non ha ancora un Comitato Olimpico. Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) gli ha proposto in alternativa di giocare con bandiera del Sudan, ma questa soluzione è impensabile perché a Marial lo Stato capeggiato da Omar Bashir ha sterminato l'intera famiglia. 

Il maratoneta è scappato dal Sudan a 15 anni. Ha ricevuto lo status di rifugiato ed è stato quindi inviato nel New Hampshire con uno zio. Qui si è iscritto a un club di atletica. Vedendo i Giochi del 2004 e del 2008 dalla sua nuova città, Concord, ha pensato: "Se lavoro abbastanza duro, posso arrivare alle Olimpiadi". 


Ora il suo sogno si è avverato. A Minneapolis Marial ha corso i 26,2 km di gara in appena due ore, 14 minuti e 32 secondi e si è qualificato per Londra. Si sta ora allenando sette giorni su sette, ma non a tutti i costi. Se avesse dovuto correre sotto bandiera sudanese, non sarebbe partito "in onore dei due milioni di persone uccisi dai militari di Bashir".  

24 luglio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

The act of killing

di Joshua Oppenheimer (2012)

La storia

Zandile Nhlengetwa

attivista impegnata per il dialogo e la riconciliazione