English version | Cerca nel sito:

Inizia il processo alle Pussy Riot

rischiano fino a 7 anni


Le cantanti russe sono in carcere da febbraio, quando hanno cantato canzoni di protesta contro il sostegno della Chiesa ortodossa alla terza campagna presidenziale di Putin nella Cattedrale di Mosca. 

Il Paese è diviso in merito al procedimento, con le alte gerarchie religiose che gridano alla "blasfemia" mentre correnti più liberali dell'opinione pubblica pensano che in quanto donne dovrebbero ricevere un trattamento meno duro. 


L'accusa ufficiale contro Nadezhda Tolonnikova, Maria Alyokhina e Yekaterina Samutsevich è di "vandalismo motivato da odio o ostilità verso la religione". Le ragazze rischiano fino a 7 anni di carcere. 


Appello per la clemenza firmato da 100 eminenti personalità russe della cultura e dello spettacolo. Tra i musicisti occidentali a sostenerlo, figurano Sting e i Red Hot Chilli Peppers. Gli attivisti per i diritti umani accusano Putin di non ascoltare gli inviti a una maggiore tolleranza verso gli oppositori.   

30 luglio 2012

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

Bogdan Borusewicz

coordinatore nazionale di Solidarnosc clandestina