English version | Cerca nel sito:

Boualem Sansal stanco di guerra

uno scrittore algerino vuole la pace con Israele


Il Corriere presenta un'intervista illuminante all'intellettuale Boualem Sansal, autore de Il villaggio del tedesco e Rue Darwin. Con quest'ultimo libro l'algerino, cresciuto con una doppia cultura araba e francese, ha vinto il Prix du roman arabe a Parigi. Il riconoscimento tuttavia è stato ritirato perché gli ambasciatori dei Paesi arabi hanno ritirato sostegno e fondi. 

Il pomo della discordia è un viaggio dello scrittore in Israele, dove ha partecipato a un festival letterario, ha visitato il Muro del Pianto dove gli ebrei commemorano la distruzione del Tempio ad opera dei romani e si è intrattenuto con il suo amico David Grossman.  


Quanto basta per farlo considerare complice dei sionisti da parte delle opinioni pubbliche e degli imam conservatori del mondo arabo. Quando il giornalista Stefano Montefiori gli domanda se esista ancora l'antisemitismo, Sansal risponde: "La Shoah non esiste, non se ne parla: un discorso come quello del presidente Hollande al Vel d’Hiv (il velodromo dove gli ebrei francesi furono rinchiusi in vista della deportazione, ndr) da noi è inconcepibile. 


Capita che un algerino veda qualcosa su una tv straniera, e chieda informazioni all’imam della moschea. Nella maggior parte dei casi, si sentirà rispondere due cose: “Hitler avrebbe dovuto ucciderli tutti”, oppure “ l’Olocausto è una panzana inventata dal sionismo per invadere la Palestina”. Non se ne esce".


Eppure questo scrittore è convinto che una minoranza "che la pensa come me, e cioè che siamo stufi di odio e di accuse reciproche, e vogliamo la pace", esista anche negli stravolgimenti della Primavera araba.  

31 luglio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Khalida Toumi Messaoudi

algerina, ministro della Comunicazione e della Cultura nel 2001